Distillerie e Gin nel centro di Londra

Il Gin è uno dei distillati più versatile e in voga in questo periodo. Sempre più rinomato, può essere miscelato con tonica o con bevande che ne valorizzano i botanici inseriti in fase di distillazione.

Nato in Olanda nel XVII secolo come farmaco, utilizzato per curare le complicazioni digestive e renali, era inizialmente un infuso di alcol di grano e bacche di ginepro chiamato Jenever. Una volta importato in Inghilterra il farmaco fu sviluppato e ponendo in infuso le bacche di ginepro direttamente nell’alcol insieme a bacche di coriandolo, scorze d’arancia e altri vegetali nacque il “London Dry Gin”.

A Londra sono presenti diverse distillerie e locali che hanno iniziato una propria produzione di Gin. Eccone alcuni all’interno della zona 1 dell’Underground di Londra:

BEEFEATER

beefeater London

Foto di Andrea Bernardi

Fondata nel 1820 il nome si ispira alle guardie della torre di Londra che anticamente avevano il compito di assaggiare le vivande del Re per controllare che non fossero state avvelenate. La distilleria è posizionata nei pressi della fermata Oval ed organizza visite guidate per scoprire la storia del marchio e della produzione del Gin.

Oltre al classico e internazionale Beefeater London Dry Gin hanno inserito sul mercato diverse proposte innovative e nuovi prodotti tra i quali:

  • 24: un gin prodotto con 12 botanici infusi per 24 ore. Così facendo vengono estratti totalmente i profumi e gli oli essenziali dei botanici caratterizzando il Gin;
  • Winter Edition: caratterizzata dai toni natalizi come cannella, pinoli, scorze d’arancia e noce moscata. Ottimo per scaldarsi durante la stagione invernale;
  • Bourrogh Reserve: dal colore dorato dato dall’affinamento in botti di legno.

Il consiglio del barman: l’idea del 24 è comparsa dopo un viaggio in Giappone del mastro distillatore. In questo paese infatti il chinino è vietato e quindi le toniche sono più dolci. L’aggiunta di foglie di te ha addolcito il Gin rendendolo ottimo miscelato con te verde al posto della tonica.

PORTOBELLO STAR

portobello star London

Foto di Andrea Bernardi

Attraversando Portobello Road, uno dei mercatini delle pulci più famosi di Londra, vicino alla fermata di Ladbroke Grove, potete scorgere un piccolo bar, il Portobello Star. Il locale, rinomato, vanta la fama di aver servito sia reali sia borseggiatori di svariate nazionalità, servendo alcolici e birre dal lontano 1740. Le bevande sono protagonisti all’interno del locale, con un’accurata scelta di abbinamenti e bottiglie che non sono scontati, bensì innovativi e curiosi.

All’ultimo piano di questo locale viene prodotto il Portobello Road N° 171 London Dry Gin il quale è solo la ciliegina sulla torta di questo locale. Prodotto con uno stile classico contiene 9 botanici: ginepro, coriandolo, angelica, iris, limone, arancia, liquirizia, cassia e noce moscata.

Il consiglio del barman: essendo un Gin di stampo classico risalta le sue proprietà se servito con ghiaccio, tonica e un twist di pompelmo di accompagnamento.

THE CITY OF LONDON DISTILLERY

city of london

Foto di Andrea Bernardi

All’interno del quartiere storico della Chiesa di S. Paul vicino alla fermata di City Thameslink sorge il COLD, City Of London Distillery. Scendendo le scale del locale, dagli arredi antichi e ricercati, si scorgono sulla sinistra due alambicchi, uno a colonna e uno a cucurbita, utilizzati per la distillazione dei Gin.
La distilleria è visitabile e sono a disposizione dei clienti anche il master distiller e piccoli alambicchi di rame e acciaio che possono essere utilizzati durante il Gin Lab Experience per creare il proprio Gin. Il prodotto personalizzato vi sarà recapitato a casa e potrete orgogliosamente sfoggiarlo vantandovi di aver prodotto il Gin seguendo i vostri gusti.
La produzione all’interno del locale vanta diversi prodotti tra i quali:

  • Dry Gin con ginepro, angelica, liquirizia e coriandolo che può essere servito con arancio, limone o pompelmo rosa;
  • Wren Gin con ginepro, coriandolo, angelica, liquirizia e arancio dolce;
  • Old Tom Gin dolce con spezie e note citriche;
  • Square Mile Gin con ginepro, coriandolo, iris, angelica liquirizia, arancio e limone;
  • Sloe Gin infuso per molti mesi con bacche di prugnolo.

Il consiglio del barman: lo Square Mile è ottimo da bere liscio. Il suo particolare processo di distillazione lo rende caldo e avvolgente. Tutti i botanici si possono percepire già dal primo sorso.

Buon weekend a tutti e bevete consapevolmente.

Andrea

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Vuoi essere sempre informato?
Non perderti i nostri articoli e tutte le novità per i tuoi viaggi!