Sognando l’Argentina

Perché dovreste programmare subito un viaggio in Argentina?

Dopo aver letto “In Patagonia” di Bruce Chatwin, sono rimasta folgorata al pensiero di un viaggio alla fine del mondo, tra il Cile e l’Argentina. Ma l’Argentina offre anche molto altro: una natura maestosa e varia; la possibilità di scoperte eno-gastronomiche interessanti; una capitale calda e accogliente secondo la migliore tradizione latino americana, e allo stesso tempo aristocratica come una capitale europea; sessioni di tango finché non vi fanno male i piedi; e, non ultimo, un intenso collegamento spirituale con l’Italia, dove hanno le proprie radici un numero enorme di famiglie argentine.
Se non vi ha mai sfiorato l’idea di aggiungere questa destinazione alla vostra travel wish list, ecco perché voglio mettervi una pulce nell’orecchio. Vi invito anche a iscrivervi al nuovo gruppo Facebook Argentina: consigli di viaggio.

Natura

L’Argentina è il secondo maggiore Stato dell’America latina e il maggiore Paese di lingua spagnola al mondo. Si estende più o meno dal tropico del Capricorno all’Antartide e questo può darvi un’idea della varietà di climi e paesaggi che qui potete trovare.
Della maestosa natura argentina ricordiamo, in ordine sparso:

  • la Patagonia, regione geografica amministrativamente divisa tra Cile e Argentina, regala viste indimenticabili: imponenti montagne, come il Fitz Roy; incredibili ghiacciai come il Perito Moreno; steppe popolate solo dal silenzio e da animali selvatici;

PATAGONIA

  • le cascate dell’Iguazù si trovano nel punto di confine tra Brasile, Argentina e Paraguay. Sono visitabili sia sul lato argentino che sul lato brasiliano, e sono considerate una delle sette meraviglie del mondo. Eleonor Roosvelt, visitandole, disse che fanno sembrare le cascate del Niagara un lavandino che perde;
  • Hornocal è una catena montuosa che si trova nel nord ovest del Paese, non è particolarmente battuta dal turismo di massa, e offre un panorama degno di Van Gogh;
  • la Pampa è un vastissimo territorio piatto e fertile. Per un’esperienza fuori dal comune, alloggiate in una estancia (fattoria) e prendete parte alla vita rurale argentina. Potete anche visitare il museo dei gauchos, a San Antonio de Areco, non lontano da Buenos Aires.

Buenos Aires

L’Argentina ha molto da offrire anche sul piano culturale, in particolare la sua capitale, Buenos Aires, considerata la metropoli più europea dell’America latina.
Una carrellata di attrazioni da visitare: la Plaza de Mayo, vero centro della città, il teatro Còlon, Palermo, dove non potrete non sentirvi a casa, il coloratissimo quartiere Boca, il quartiere Recoleta con il relativo cimitero monumentale dove, tra gli altri, è sepolta Evita Péron.

visitare-buenos-aires-argentina
I feticisti dei libri -tra cui io – non potranno non visitare quella che è considerata la seconda più bella libreria del mondo: El Ateneo Gran Splendid.
Gli amanti del calcio potrebbero avere la fortuna di trovarsi in città in occasione di una partita del Boca Junior, la squadra che ha lanciato personaggi come Diego Armando Maradona.
E infine: il tango argentino, dichiarato patrimonio dell’umanità Unesco. Se sapete ballare siete nella città giusta! E anche se non sapete ballare, ma desiderate conoscere questa bellissima danza, non rimarrete delusi.

Abbiamo parlato del mood di Bueno Aires anche nell’articolo: Buenos Aires, un assaggio di porteno.

Enogastronomia

La cucina argentina ha una protagonista indiscussa: la carne. Churrasco (bistecca), chorizo (salsiccia), escalope (scaloppina), parilla (grigliata) e asado (arrosto) saranno la base della vostra dieta argentina, con buona pace degli habitué della dieta mediterranea. Assaggiate anche gli stufati, come se foste gauchos, e le empanadas, involtini di pasta ripieni di carne e verdura. Uno tra i dolci più noti è il Dulce de leche, tutto latte e zucchero, base di molti altri dolci, tra cui i biscotti ripieni.

Tipica bevanda argentina è il Mate, un infuso di erba di Mate, pianta tipica dell’America latina. Bere il Mate, per gli argentini, è un vero e proprio rituale, nonché la bevanda che si offre agli ospiti. Un po’ come il nostro caffè. Viene servito in appositi recipienti, e sorbito tramite speciali cannucce.
mate argentina

Anche i vini sono uno tra i vanti dell’Argentina, che, in alcune province, come Mendoza. presenta un clima ottimale per la coltivazione delle uve. Si producono eccellenti Cabernet, Sauvignon, Merlot, Barbera, più alcolici rispetto ai parenti europei.

Allora, vi è venuta un po’ voglia di un viaggio in Argentina?

Wannabe rockstar, #einvece mamma, web writer, tricotillomane, off the beaten path.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Vuoi essere sempre informato?
Non perderti i nostri articoli e tutte le novità per i tuoi viaggi!