Visitare a Roma: non le solite cose

State pensando a un viaggio in una Roma insolita, meno turistica e off the beaten track? Ecco 5 luoghi che potrebbero piacervi.

Se siete stati in viaggio a Roma diverse volte, è probabile che ancora non abbiate terminato la vostra check list delle attrazioni turistiche: ci vorrà ben più di una gita a Roma per vedere i must.
Ma se state cercando scorci un po’ diversi, un po’ off the beaten track, dove non dovrete necessariamente fare lo slalom tra bastoni per selfie e finti gladiatori, ecco alcuni posti che potrebbero piacervi.
Roma non è nota per la capillarità dei mezzi pubblici, quindi armatevi di…piedi (io dopo i chilometri macinati in occasione della mia ultima visita, eviterò accuratamente di andare con le All Star).

Ah, i miei amici romani DOC mi hanno dato altri preziosissimi consigli, seguiranno altri itinerari sottovalutati dal turismo di massa (perché a noi piace così).

Garbatella

Ex quartiere popolare, reso noto a molti da cinema e tv, conserva ancora la sua specificità architettonica e culturale e, per chi vi abita, una dimensione “umana”. L’atmosfera è infatti quella di un paese all’interno della città e street art ed edifici che nascono come popolari convivono con lo stile più ricercato del “barocchetto romano”.
Fatevi una passeggiata e scoprite i vicoli, la parte storica e i lotti.
Se siete dei nostalgici della serie tv “I Cesaroni”, non potete non fare un salto alla “bottiglieria”, in piazza Giovanni da Triora.

Né rosso né nero! Er sole è sovrano. La strada è l’impero de ‘n córe romano. Er Bestia

Una foto pubblicata da Alessio (@alepressa) in data: 5 Set 2016 alle ore 13:07 PDT

Testaccio

Se vi piace l’archeologia industriale e l’off the beaten track un po’ fighetto, vi consiglio un giro al vecchio mattatoio al quartiere Testaccio. Riqualificato nei primi anni 2000, vale certamente una passeggiata: l’architettura e i rimandi all’utilizzo originario dell’area sono stati rispettati e ospitano oggi realtà culturali di vario genere, dando luogo a un’atmosfera tutta particolare: viva e attiva, ma con qualcosa di lugubre e maestoso (questa è stata la mia impressione).
Qui trovate il Macro, museo di arte moderna; la Città dell’altra economia (dove, tra le altre cose, vi è una piccola quanto interessante libreria per bambini) e centri sociali e di produzioni artistica e culturale.
Intanto che siete al Testaccio, fate un giro anche al Cimitero Acattolico accanto alla piramide Cestia (ne abbiamo parlato anche qui), e osservate il Monte dei Cocci, una collinetta alta circa 40 metri, costituita appunto da un ammasso di “cocci” di anfore olearie accatastate in epoca romana, ancora chiaramente visibili in alcuni punti.

Centrale Montemartini

Altro esempio di riqualificazione urbana (scusate, sono fissata), si trova nel quartiere ostiense. Fu la prima centrale elettrica della città di Roma: la sua costruzione risale agli inizi del 1900 e ospita oggi centinaia di sculture provenienti dai Musei Capitolini, che svettano tra le macchine con un risultato ben riuscito di sperimentazione espositiva. Mentre vi recate alla centrale Montemartini, il vostro sguardo verrà colpito dal suggestivo skyline regalato dal gasometro (o gazometro, secondo la pronuncia locale).

Domenica al museo #centralemontemartini #museicapitolini #lovemyrome #sculpture

Una foto pubblicata da Federico R. (@aticofilia) in data: 6 Mar 2016 alle ore 15:07 PST

EUR

Lontano dalle attrazioni turistiche, il quartiere Europa fu costruito in epoca fascista per accogliere l’Esposizione Universale del 1942 (che poi non ebbe luogo). Trionfo dell’architettura razionalista: vi troverete maestosità, forme squadrate, costruzioni bianche, spazi verdi, cielo azzurro (ok, non necessariamente), sensazione di progettazione urbanistica con un pizzico di retorica. Da vedere, tra le altre cose: il Colosseo quadrato, Palazzo dei Congressi, l’Obelisco.

#razionalismo #eur #roma #romaeur

Una foto pubblicata da Paul (@contehans) in data: 5 Set 2016 alle ore 15:23 PDT

Parco Acquedotti

Fa parte del parco dell’Appia Antica e si trova nella zona sud est della città. Ricco di reperti archeologici immersi nel verde, è uno tra i parchi preferiti dai romani. Ideale per “riprendersi” dalla caotica città, senza interrompere l’esplorazione.

#parcodegliacquedotti

Una foto pubblicata da Susanna Petraccini (@seevabbe) in data: 26 Ago 2016 alle ore 13:10 PDT

Wannabe rockstar, #einvece mamma, web writer, tricotillomane, off the beaten path.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Vuoi essere sempre informato?
Non perderti i nostri articoli e tutte le novità per i tuoi viaggi!